CODICE DEONTOLOGICO
della
FEDERAZIONE ITALIANA TRADITIONAL THAI MASSAGE
pubblicato dalla Federazione Italiana Traditional Thai Massage il 23 febbraio 2011

F.I.T.T.M._logo

CODICE DEONTOLOGICO
FEDERAZIONE ITALIANA TRADITIONAL THAI MASSAGE

Il Codice Deontologico fornisce l’insieme dei principi, delle norme e dei comportamenti che ogni singolo operatore aderente alla Federazione Italiana Thai Traditional Massage (F.I.T.T.M.) si impegna ad ottemperare nell’esercizio della propria professione.

Il Professionista di massaggio Thailandese:

1. Si impegna ad esercitare la propria attività secondo coscienza, mantenendo sempre un comportamento equanime, quindi giusto e leale con tutti, siano essi clienti, collaboratori, colleghi o terzi in generale, nel pieno rispetto della persona, astenendosi da ogni qualsivoglia forma di discriminazione così come previsto dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948.

2. Considera sempre il proprio cliente nella sua globalità di corpo, mente e spirito in quanto il proprio operare e’ finalizzato al recupero dell’equilibrio psicofisico dello stesso.

3. Svolge professionalmente il massaggio utilizzando le sole tecniche consentite dai metodi di Massaggio Tailandese che gli competono come attestato dai requisiti regolarmente conseguiti e certificati, senza sconfinare nell’ambito di altre professioni di cui non detiene i titoli. Una particolare attenzione e’ rivolta all’esclusione di metodologie e atti di pertinenza medica, quali ad esempio diagnosi e\o prescrizioni.

4. Deve essere sempre cosciente dei limiti propri e della professione stessa. Ogni qualvolta si trova davanti o viene messo a conoscenza di una situazione patologica deve indirizzare il cliente verso medici o specialisti competenti.

5. Pone tutte le proprie capacità e conoscenze sempre al servizio della professione, non traendo nulla a proprio vantaggio personale oltre l’onorario professionale, per altro pattuito in anticipo rispetto al trattamento stesso. Con il massimo impegno educa e indirizza il cliente verso il miglioramento e il mantenimento del benessere. Deve stimolare un atteggiamento attivo nel cliente, prevenendo così ogni forma di dipendenza.

6. Si attiva per il pieno benessere del cliente e solo dietro richiesta personale dello stesso. In presenza di minori o soggetti incapaci di intendere e volere può operare su richiesta e con il consenso di chi ne esercita la patria potestà.

7. Nel libero esercizio della propria professione non scende mai a compromessi nel rispetto dei principi e delle regole che disciplinano la professione stessa e può rifiutare le proprie prestazioni nel caso lo ritenga opportuno.

8. E’ tenuto al segreto professionale, e con lui i suoi collaboratori, su fatti e notizie riguardanti i clienti e su quanto può emergere nel corso dei trattamenti, proteggendone la privacy anche in presenza di lavori, sia per obbligo giuridico sia per la fiducia che il cliente ripone in lui. Nel caso di collaborazioni, con colleghi o altri operatori, ne può condividere solo le informazioni essenziali al miglioramento dello stato di benessere del proprio cliente, se comunque previa autorizzazione dello stesso.

9. Nei confronti dei colleghi e collaboratori, opera e si rivolge con la massima correttezza e trasparenza, stima e solidarietà professionale. Mai antagonista, il suo è un atteggiamento di disponibilità alla collaborazione con ogni altra figura professionale che agisce nell’interesse e per il benessere del cliente medesimo.

10. Può accettare di trattare un cliente già assistito da un collaboratore o collega solo quando sia questo ultimo ad indirizzarglielo o nel caso siano stati definiti a tutti gli effetti i rapporti in essere tra le parti suddette. Esclude e rifiuta qualsiasi forma di compenso legato all’invio di clienti da\a collaboratori, colleghi o altre strutture affini, terapeutiche e non.

11. E’ sempre tenuto a prospettare, in anticipo rispetto la prestazione, con semplicità e chiarezza le potenzialità, l’efficacia e le finalità del trattamento al fine di prevenire ed evitare aspettative infattibili.

12. Si impegna ad astenersi dall’impiego di ogni qualsiasi forma di pubblicità ingannevole, di qualifiche o titoli accademici che non gli competono e\o di quant’altro possa indurre l’utente, o chi per esso, a fraintendimenti.

13. Non viene mai meno al rispetto dell’igiene e alla pulizia personale durante lo svolgimento della propria professione.

14. Si adopera, e ne è il garante, affinché il locale dove svolge la propria attività sia igienico, pulito e attrezzato in maniera adeguata per la corretta attuazione della professione stessa e ne rispetti i requisiti minimi previsti dalle leggi vigenti. All’interno del locale, o nelle immediate vicinanze, deve essere esposto e ben visibile l’attestato e/o quant’ altro certifichi la professionalità dell’operatore stesso e il codice deontologico.

15. Ottempera agli obblighi fiscali e assicurativi secondo le leggi vigenti.

F.I.T.T.M.FEDERAZIONE ITALIANA TRADITIONAL THAI MASSAGE
Presidente e Responsabile: Mario Milli, mob. +39 347 456 2929
Piazza del Popolo 3/1, 17100 Savona, c.f. 92090450096
www.federazioneitalianatraditionalthaimassage.it
info@federazioneitalianatraditionalthaimassage.it

ritorna ai pizzichi

WaiThai©2004-2012 è marchio registrato di Cristina Radivo. L'utilizzo del nome, del logo e dei contenuti del sito, se non altrimenti segnalato, deve essere concordato con l'autore. Link ai documenti di questo sito, sono graditi.