Medicine non Convenzionali

Le parole proibite nelle discipline bio-naturali

Alcuni termini che gli operatori del settore olistico NON possono e non devono MAI usare. Dal momento che in Europa non ci sono ancora norme, regolamentazioni, leggi ecc. uniformate a questo riguardo, in Italia e in molte altre nazioni, agli operatori delle discipline bio-naturali viene consigliato di adoperare un linguaggio "olistico" per evitare di utilizzare parole usate in ambito medico.
Alcuni dei seguenti termini sono appannaggio dei medici e non dovrebbero essere utilizzati dagli operatori del settore del benessere poichè tutte le figure professionali elencate di seguito, in Italia non sono ancora ben riconosciute e in modo definito dalle leggi dello Stato Italiano.

Questa premessa si rivolge alle seguenti figure che operano nelle cosidette MnC o DBN discipline bio-naturali:

Operatore del Benessere, operatore olistico, operatore discipline bio-naturali, naturopata, operatore del benessere e delle DBN (discipline bio-naturali), conselour olistico, operatore MnC (medicine non convenzionali), terapeuta naturale, terapeuta energetico, operatore bio-naturale, operatore pranico (pranoterapeuta), operatore di tecniche massaggio orientale, operatore di shiatsu, di massaggio thailandese, di ayurveda, ecc. ecc.

Inoltre, a queste figure professionali non è consentito utilizzare terminologie sanitarie quali:

- TERAPIA (e tutte le derivazioni - massaggio terapeutico - nome-terapia ecc. )
Terapia deriva dal greco (θεραπεία (therapeía): cura, guarigione. Essa si occupa del trattamento di malattie e ferite, dei metodi usati per la loro guarigione e per alienarne i sintomi.

Le terapie sono misure aventi lo scopo di:

- riportare uno stato patologico a uno stato sano
- rendere sopportabile la manifestazione di sintomi disagevoli.

Concretamente, il significato di -terapia- dipende quindi dalle definizioni di -salute, patologia- e dagli strumenti diagnostici a disposizione per distinguerle tra di loro. Queste definizioni sono considerate "mediche".

Gli Operatori Olistici non essendo medici (salvo che non siano abilitati alla pratica medica e abbiano conseguito una laurea in Medicina), considerano l'individuo nella sua completa totalità di CORPO - MENTE - SPIRITO.

- DIAGNOSI (e tutte le sue derivazioni)
La parola -diagnosi- che deriva dal latino attraverso il greco antico διάγνωσις (diágnōsis) dià = attraverso e gnosis = conoscenza) è la procedura di ricondurre un fenomeno (o un gruppo di fenomeni), dopo averne considerato ogni aspetto, a una categoria. Anche il risultato di una tale classificazione si chiama diagnosi.

Il termine è usato in medicina. Serve a riconoscere una malattia (categoria) in base a dei sintomi o dei "segni" (fenomeni), i primi sono manifestazioni soggettive presenti nel paziente, i secondi sono evidenti anche al medico. L'insieme dei sintomi e segni di cui alcuni specifici detti patognomonici ed altri più o meno generici, caratterizza il quadro clinico di una malattia.

L'operatore olistico (non medico) può utilizzare termini come: indagine, valutazione, esaminazione, analisi energetica.
L'operatore olistico percepisce, avverte e segnala uno squilibrio o uno scompenso energetico.

- PAZIENTE
Il -paziente- è l'individuo che si reca dal medico mentre la persona che si rivolge a un operatore del settore olistico è un -cliente-.

- PRESCRIZIONE (e le sue varianti)
L'operatore non medico non può e non deve assolutamente prescrivere nulla.

Da sostituire con: consigliare, suggerire, etc.

- MOXA
La moxa è stata da poco inserita all'interno dell'elenco dei supporti medico-sanitari, di conseguenza non può essere utilizzata che da un medico.

- GUARIGIONE: ridare la salute è considerato un atto medico. Anche se le discipline di cui stiamo parlando possono indurre alla risoluzione di determinati squilibri energetici, gli operatori del settore olistico non devono utilizzare questo termine (e tutte le sue derivazioni...)

- PATOLOGIA
Malattia o disturbo in termine prettamente medico da sostituire con: disagio o squilibrio psico-fisico.

- CURA/CURARE
Un vocabolo da sostituire con formule tipo: migliorare lo stato di benessere psicofisico, percorso di miglioramento (o altra definizione simile).

Se pensate che altri termini possano essere inseriti nella lista poichè appartengono al "mondo medico", scrivete a ShenPlanet Italia.

*Un ringraziamento particolare a tutti i membri che stanno aiutando a completare questo articolo. (tratto da: http://www.shenplanet.net/profiles/blogs/i-termini-che-gli-operatori)

<<È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale n. 22 la L. 14 gennaio 2013, n. 4 che disciplina le professioni non regolamentate. Il nuovo articolato normativo reca una disciplina uniforme delle «professioni non organizzate in ordini o collegi», qualificandole come quelle attività economiche, anche organizzate, volte alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi, esercitate abitualmente e prevalentemente mediante lavoro intellettuale, o comunque con il concorso di questo, con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell'art. 2229 c.c., e delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative.>>

ritorna ai pizzichi…

WaiThai©2004-2017 è marchio registrato di Cristina Radivo - Asokananda ’s authorized teacher. C.F. RDVCST53L61L424H - P. IVA 01193370325 Legge n. 4/13 del 14 gennaio 2013, GU n. 22 del 26 gennaio 2013. L'utilizzo del nome, del logo e dei contenuti del sito, se non altrimenti segnalato, deve essere concordato con l'autore. Link ai documenti di questo sito, sono graditi.