Thai o tai?

thailine

Si scrive thai (ไทย) oppure tai (ไท)?

«È importante fare un chiarimento sulla grafia delle parole thai (ไทย) e tai (ไท) e sulla corretta accezione di questi due termini, che talvolta sono scritti e usati impropriamente e in maniera intercambiabile, attribuendo loro, erroneamente, lo stesso significato.
Per definizione generica, un gruppo etnico è composto dagli individui appartenenti a un ceppo comune, che condividono cultura, lingua, religione o anche caratteristiche fisiche determinate dall’adattamento al territorio in cui vivono.

Tai, in questo caso scritto senza la lettera h, definisce effettivamente l’etnia tai come un gruppo etnico distinto; una popolazione i cui membri sono accomunati da una lunga storia e tradizione, un popolo che si identifica in un comune ramo genealogico, differenziandosi da altri, ma che non necessariamente vive nella stessa nazione. Perciò, con il termine Tai identifichiamo tutte le popolazioni che pur avendo origini culturali comuni vivono in Stati e Paesi diversi, in prevalenza nelle regioni dell’Asia sud-orientale, ma non esclusivamente in Asia.

thailine

Il termine thai, quando si presenta scritto con la lettera h, contraddistingue invece il principale gruppo etnico tai che in epoche remote si stabilì nella zona geografica peninsulare situata tra il subcontinente indiano e la parte meridionale della Cina e che nel 1238 si costituì ufficialmente nell’antico regno del Siam.

old Siam map

Il massaggio thailandese del piede C.Radivo, XENIA ed.I Thai sono dunque il principale gruppo etnico della Thailandia e, nonostante facciano parte della più importante suddivisione etnolinguistica presente nell’Asia sud-orientale, la loro vera origine rimane tuttora piuttosto oscura; per queste ragioni, il tema della loro genesi è motivo ricorrente di vivaci discussioni tra gli esperti.

L’etnia tai, a cui i Thai appartengono come sottogruppo, secondo gli etnologi e i ricercatori, discende da una popolazione forse proveniente dalla Mongolia che, dopo aver attraversato la regione dello Yunnan, nella Cina meridionale, migrò verso il sud-est asiatico, probabilmente in cerca di terre più fertili o sotto la pressione di guerre d’invasione, eventi climatici avversi, epidemie o pestilenze.»
Tratto da: Il massaggio thailandese del piede, Cristina Radivo, XENIA edizioni 2010, pag. 213.

thailine

Thai e Altai
«...A tal proposito va detto che il thailandese, ภาษาไทย-phasa thai, è una lingua tipologicamente monosillabica tonale, appartenente alla famiglia linguistica detta: tai-kadai, in cui vengono inclusi molti dei linguaggi del Sud-Est asiatico, come il laotiano, la lingua shan di Myanmar, e svariate lingue della Cina meridionale, come la lingua degli zhuang, dei bui del Guangxi e del Guizhou, nonché altre favelle dello Yunnan, tutte catalogate come lingue tai, onde distinguerle dall’idioma nazionale della Thailandia. BangkokA proposito di ciò, ricordiamo che la grafia dell’etnonimo, utilizzata in italiano per designare la Thailandia: “tai”, da cui poi deriva l’omonimo aggettivo “tailandese” è inesatta, in quanto così sprovvista dell’acca (che poi non si pronuncia) si riferisce al menzionato più vasto gruppo linguistico, lao, shan etc., piuttosto che alla lingua nazionale, così come fu riformata ed epurata dal ministro, Pibhul Songkhram...»
Thai e Altai articolo di E. Visintainer, disponibile anche in versione PDF dicembre 2005

ritorna ai pizzichi…

WaiThai©2004-2013 è marchio registrato di Cristina Radivo. L'utilizzo del nome, del logo e dei contenuti del sito, se non altrimenti segnalato, deve essere concordato con l'autore. Link ai documenti di questo sito, sono graditi.