Alzheimer & New Age
22 Ottobre 2006
Prana egg
19 Novembre 2006

100 anni di Alzheimer

Alzheimer

4 novembre 1906 – 4 novembre 2006

La malattia di Alzheimer compie 100 anni!

Il 4 novembre del 1906, cento anni fa, il dottor Alois Alzheimer descrisse per la prima volta questa malattia.

Cos’è la malattia di Alzheimer?
È un processo degenerativo cerebrale che provoca un declino progressivo delle funzioni intellettive. È una malattia con andamento progressivo che compromette la memoria, il pensiero, il comportamento. La persona ammalata di Alzheimer perde man mano la propria autonomia, diventando completamente dipendente dagli altri. Nel mondo si valuta che ci siano più di 18.000.000 di persone colpite dalla malattia di Alzheimer. In Italia si stimano più di 500.000 ammalati, ma i numeri sono purtroppo destinati a raddoppiare nell’arco dei prossimi vent’anni!.

Il 21 settembre 2006, è stata celebrata in tutto il mondo la -Giornata Mondiale dell’Alzheimer-. In concomitanza con il centenario dalla scoperta della patologia, da parte del medico tedesco Alois ALZHEIMER, il libro –Visione parziale- è stato distribuito in molte librerie italiane; sono state inoltre organizzate conferenze e incontri per sensibilizzare e portare a conoscenza del vasto pubblico, le problematiche della malattia, i servizi e le attività di sostegno.

Visione parziale
-Un diario dell’Alzheimer-

testo di Cary Smith Henderson

fotografie di Nancy Andrews

La traduzione italiana di Partial view – Visione parziale è stata fortemente voluta dall’ Associazione Goffredo de Banfield e dalla Federazione Alzheimer Italia ed è disponibile anche presso le sedi delle associazioni sopraccitate.

Un libro non basta… ma aiuta! Aiuta a capire, a conoscere, ad imparare e a sentirsi meno soli.

Questo libro racconta, con commovente sensibilità e un forte impatto emotivo, la storia di Cary Smith Henderson, professore di storia e malato di Alzheimer. Le delicate e toccanti foto che ne commentano la narrazione, illustrano la sua vita, quella dei suoi famigliari e le modalità con cui la malattia di Alzheimer ha modificato il loro ritmo ed il loro equilibrio, nella vita quotidiana.

L’Associazione Goffredo de Banfield nasce a Trieste nel 1988, con l’obiettivo di evitare o ritardare l’istituzionalizzazione delle persone anziane anche gravemente compromesse nell’autonomia.
L’Associazione persegue questa finalità, fornendo servizi informativi e pratici, organizzando momenti di confronto scientifici e culturali intorno alla Vecchiaia, formando e coordinando il volontariato.
Nel Centro di Documentazione di via delle Zudecche 1, a Trieste, è disponibile una ricca bibliografia ed è possibile consultare molti testi, sia specifici per gli operatori, i volontari e le persone che lavorano con i malati, sia generali ma non più reperibili nelle librerie. Dal 1995 l’Associazione è affiliata alla Federazione Alzheimer Italia.

QUINO Esimia...

4 novembre 1906 – 4 novembre 2006

La malattia di Alzheimer compie 100 anni!

Informazioni e indirizzi utili, per approfondire l’argomento:

Federazione Alzheimer Italia
via Tommaso Marino, 7 – 20121 Milano – tel. 02 809767
http://www.alzheimer.it e-mail: info@alzheimer.it
sostenitori@alzheimer.it

Associazione Goffredo de Banfield
via delle Zudecche 1 – 34131 Trieste – tel. 040 362766
www.debanfield.it e-mail: info@debanfield.it

 Scarica qui il giornalino “infodebanfield” di maggio 2006 in formato pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *