SHO-DO l’arte calligrafica giapponese
13 Giugno 2007
Il Dharma contro la droga
30 Giugno 2007

Ayutthaya reportage

Uno scorcio di Thailandia

Questo vivace resoconto della Dott.ssa Caterina Brunelli, ci è stato cortesemente concesso dall’Associazione VersOriente http://www.versoriente.net che ringraziamo per l’amichevole collaborazione.

Ayutthaya

-l’isola circondata da tre corsi d’acqua-

Autore: Dott.ssa Caterina Brunelli

Situata in posizione pianeggiante e distante soltanto 72 km di linea ferroviaria da Bangkok, Ayutthaya appare quasi un’isola circondata ad ovest e a sud dal fiume Chao Phraya, ad est dal Pa Sak e a nord da un piccolo corso d’acqua che originariamente costituiva il fiume Lop Buri.

Dopo una memorabile visita al parco archeologico di Sukhothai decido assieme ai miei compagni di viaggio: -l’immancabile Agnese, un buffo ragazzo canadese francofono del Quebec e un giovane 23enne inglese sportivo e biondissimo- di dedicare un paio di giorni alla visita di questa città dall’importanza storica innegabile.

Nel XIV secolo il Re thai U-thong designò Ayutthaya capitale del suo regno (1350), durato fino al 1767 quando l’invasione birmana ne decretò la capitolazione: a tutt’oggi e’ possibile visitare gli edifici storici di maggior interesse semplicemente girando per la città in tuk-tuk, un curioso incrocio, tipico di questi paesi, tra un motorino e un’ “ape” dotato di tendine e lucine multicolori).

Appena varcato il casello per Ayutthaya il pullman V.I.P. il cui biglietto (è vero, comprensivo di ticket buono pasto, aria condizionata, krapfen all’albicocca e ben due bicchieri di coca cola ghiacciata) ci era costato la bellezza di 250 baht[1], ci scarica ai margini della superstrada, dove un signore ben piazzato sulla quarantina, ci sta aspettando al volante di una berlina scassata color argento, nido di zanzare dotato di un unico sedile sul davanti e agghindato con coroncine di fiori votive e immagini di monaci emaciati che penso possano assolvere alla stessa funzione del nostro san Cristoforo.

Un breve tragitto ed eccoci alla “Ayutthaya Guest House”, più simile ad una maison française che ad un resort thailandese, dove ci viene immediatamente proposto di partecipare ad un tour serale presso alcune tra le più suggestive testimonianze storico-artistiche che la città può offrire. Accettiamo entusiasti all’idea di poter finalmente assistere ad un tramonto diverso dal solito e il proprietario della guest house, un Frank Zappa thai in T-shirt nera, jeans risvoltati ad arte e infradito, ci conduce al mausoleo ottocentesco della “montagna d’oro” al suono delle canzoni di Anita Baker e Otis Redding.

Ci arrampichiamo sulla ripida scalinata di accesso, e dopo aver goduto di una vista mozzafiato -le rovine della città immerse in quella luce violetta che, non a caso, sembra diventata il colore nazionale della Thailandia- raggiungiamo un altro gruppo di turisti allo scopo di pianificare quello che sarebbe stato il nostro tour il giorno seguente.

Trascorriamo una serata non proprio folkloristica in un pub thai-irlandese (dove, ancora non ci credo, ho trovato persino il ginger!) e la mattina seguente, puntuale alle 9.00 come un orologio svizzero, eccolo… il nostro autista personale, capello laccato e baffi, ray-ban a goccia e camicia e tuk-tuk dei colori della Giamaica.

Inizia così il tour di tre ore per la città: il Wat Phra Si Sanphet, il tempio più grande e bello di Ayutthaya (equivalente al Tempio del Buddha di Smeraldo[2]di Bangkok) i cui tre stupa conservano i resti del re Borom Trai Lokanat e dei suoi due figli, il vihan[3]Phra Mongkon Bophit, contenente una statua che ritrae l’Illuminato nell’atto di sottomettere Mara[4]alta più di 12 m., il Wat Maha Tat, costruito per opera del secondo e quarto re di Ayutthaya come santuario delle reliquie del Buddha conservate all’interno di 7 stupa inminiatura posto l’uno dentro l’altro e in ultimo il Wat Ratcha-burana, edificato nel 1424 dal re Borom Racha II sul luogo della cremazione dei due fratelli, e decorato da pregevoli lavori in stucco e da affreschi in rosso ed oro incentrati sulla figura del principe Siddhartha.

Il giro si conclude con la visita al Wat Suwan Dararam, conosciuto come il tempio della dinastia Chakri e fondato dal padre del re Rama I, al cui interno abbiamo potuto ammirare affreschi di creature celesti e illustrazioni di storie jataka[5].

La mattina successiva, preso commiato dai nostri compagni di viaggio, Agnese ed io decidiamo di provare l’efficienza dei treni locali percorrendo quei 72 km di ferrovia che ci separavano dal rientro a “casa”, a Bangkok.

Il biglietto costa solo 15 baht, la stazione ci appare efficientissima e il controllore, in perfetto inglese (provate a fare il confronto con la stazione Termini!!!!!) ci avverte che il treno, sfortunatamente, farà ben 10 MINUTI di ritardo.

Osserviamo tutte quelle persone vestite a festa e ci sentiamo sempre più simili a loro: è il 5 dicembre, il 77 compleanno del re Rama IX, e siamo tutti ansiosi di celebrare i festeggiamenti per le strade della capitale.

Arriviamo a destinazione e un taxista ci chiede 200 baht per portarci a Khao San Road. Sconvolte, ribattiamo che gliene avremmo dati al massimo 100 e lui accetta, scoppiando nella risata più allegra che abbia sentito negli ultimi tempi e riuscendo solamente a dire “you’re the number one! you’re the number one!“.

Per un ulteriore approfondimento degli argomenti trattati si consiglia di consultare i testi sul Buddhismo e sulla vita di Siddhartha Gautama facilmente reperibili ovunque. Ho inoltre trovato interessante e di grande utilità la lettura del manuale intitolato “Lineamenti di Arte e Architettura Thailandese, un manuale per le guide turistiche”, edito nel novembre 2002 dalla Facolta’ di Lettere dell’Università’ Chulalongkorn di Bangkok, Progetto della Diffusione delle Opere Accademiche, vol. 83, a cura di Chatsuni Sinthusing, Graziella Zanon e Paolo Piazzardi. VersOriente- 04/04/2007

Chi è Caterina Brunelli? Laureatasi con lode nell’aprile 2003 in Storia dell’Arte dell’Estremo Oriente, è archeologa specializzata in sud-est asiatico, dal dicembre 2003 collabora attivamente con la Fondazione Ing. C.M. Lerici – Politecnico di Milano, nell’attività di scavo archeologico e restauro conservativo in qualità di archeologo di campo. Dal 2003 al 2006 ha partecipato ai progetti di scavo, ricerca e restauro “Vat Phu and Associated Ancient Settlements within the Champasak Cultural Landscape”, Champasak, Lao PDR, e “Safeguarding My Son World Heritage”, My So’n, Quang Nam, Viet Nam, finanziati dal Ministero degli Esteri Italiano attraverso l’UNESCO. Per VersOriente si occupa dell’area Sud-Est Asiatico, ed è l’organizzatrice di diversi eventi e festival.

il portale per gli amanti dell’Asia
http://www.versoriente.net email: info@versoriente.net

I consigli di HotelTravel.com: Da Bangkok tour giornalieri in barca portano a visitare l’antica capitale Ayutthaya. Potete anche prendere il treno o il pullman ma viaggiare in barca è sicuramente il mezzo più esotico ed originale. Potrete ammirare i numerosi templi e le vecchie case in tek lungo il fiume. La parte storica di Ayutthaya è al centro di un’isola dove convergono tre fiumi. Rovine magnifiche e laghi con fiori di loto fanno parte del parco nazionale. Un modo piacevole di esplorare le rovine è noleggiare una bicicletta.
Per un’ottima scelta di hotel a tariffe scontate e per maggiori informazioni per organizzare un soggiorno in sicurezza e comodità visitate: Prenotare hotel a Ayutthaya

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *