Il Dio dell’Asia di Ilaria Maria Sala

Thailandia e Siam
23 Ottobre 2020
BABELE – India: Etno-grafologia artistica
2 Novembre 2020

Il Dio dell’Asia di Ilaria Maria Sala

sudestasiatico 2.jpg

Sudestasiatico.com nasce dall’idea di voler offrire una maggiore informazione sui temi di politica, economia, cultura e costume sulla regione in esame, soprattutto per il pubblico italiano. Gli Autori hanno maturato negli anni un’esperienza sia in ambito accademico che direttamente sul campo, collaborando e lavorando per agenzie di stampa ed istituti di ricerca universitari statali e privati. Sudestasiatico.com si avvale, inoltre, di una serie di collaboratori sia in Italia che all’estero cercando di fornire, oltre ad articoli e commenti, anche una galleria fotografica e video, ottenuta principalmente attraverso il contributo diretto degli stessi.

Sudestasiatico.com
Informazione su politica, economia, cultura e costume del sudest asiatico

IL DIO DELL’ASIA

Religione e Politica in Oriente.
Un reportage

Ilaria Maria Sala

sudestasiatico Roberto Tofani.jpgCommento di Alessandra Chiricosta

 

Coinvolgente, lucido, emozionante, il reportage di Ilaria Maria Sala conduce il lettore in un viaggio attraverso gli innumerevoli mondi che costituiscono la complessa realtà dell’Estremo Oriente e del Sudest asiatico. Definizioni, queste, che troppo spesso, all’occhio distante e alla concettualizzazione etnocentrica europea sono apparse come unificanti, presentando una tranquillizzante realtà omogenea, a dispetto dell’immensità del territorio che andavano ad indicare.

A dispetto del titolo, che sembrerebbe macchiarsi di quell’orientalismo ormai da tempo smascherato da Said e dai suoi epigoni, la Sala ci fornisce occasione di constatare la molteplicità di culture, etnie, storie, lingue, vissuti che popolano quell’area del mondo geograficamente a oriente rispetto a noi.

Senza la pretesa – insensata e temeraria – di darne una panoramica completa, l’autrice seleziona alcune realtà e ce le descrive in presa diretta. Leggendo il libro si ha come l’impressione di salire su di uno di quei lenti treni che attraversano l’Asia Orientale e Sudorientale, fermandosi ogni tanto in luoghi casuali per gettare un’occhiata in giro, assaporarne l’atmosfera, parlare con la gente, lasciarsi coinvolgere, anche se per un breve lasso di tempo, nella loro vita.

2008.04 TH 008 333x250.jpgEd è proprio questa grande dimensione umana e concreta, dialogante, a sottrarre completamente il libro della Sala al troppo comune rischio manualistico di una guida di viaggio un po’ meno superficiale: l’autrice dà prova non solo di avere una conoscenza diretta e puntuale delle realtà presentate, ma anche degli ottimi strumenti interpretativi per indagarle. E quando questi vengano a mancare, lascia aperto il beneficio del dubbio. Merito questo di non poca rilevanza in un mondo editoriale che sempre più è alla ricerca di appiananti e semplificanti descrizioni ad opera di cosiddetti “viaggiatori” dalla preoccupante ingenuità.

Il viaggio della Sala parte proprio da un dubbio, da una domanda: ‘che cosa cerchiamo, viaggiando e scrivendo?’ la cui risposta rimane aperta, invitando il lettore ad indagarla, a viverla più che ad esaurirla. È una domanda che nasce da un’esigenza di vita, più che da un artificio stilistico, dalla stanchezza e dal fastidio provocati, vivendo all’estero, da approcci o eccessivamente riduzionistici o, al contrario, universalistici, che 2008.04 TH 037 CGM 333x250.jpgsottendono spesso entrambi dinamiche razziste e neocolonialiste.

Si snoda lungo un filo conduttore, in realtà costituito da un intreccio di fili: quelli che intessono insieme politica, economia, storia e fervore religioso. Dopo una breve indicazione delle modalità in cui si è raggiunto il luogo, un primo sguardo al paesaggio, si scende dal treno per parlare con i protagonisti delle vicende, spesso sofferenti, difficili. Ma il coinvolgimento emotivo non impedisce di approfondire le cause, le motivazioni storiche che hanno condotto alla situazione attuale, brevemente ma puntualmente tratteggiate. Certo, non mancano prese di posizione, tra l’altro denunciate, o imprecisioni (come nella definizione di “sette” per talune tradizioni buddiste, o nella composizione etnologica delle popolazioni laotiane, indicate secondo un sistema territoriale ormai in disuso, o nella non problematizzazione del termine colonialista montagnards per indicare alcune delle minoranze etniche vietnamite), che si stemperano, però, in un testo di alto livello.

2006.07 Mongolia Eej-Khad01.jpgCosì si attraversano lo Xinjiang cinese, in cui la rinascita islamica prende sempre di più i connotati di un indipendentismo anti Han; la Mongolia interna e quella propriamente detta, che trovano nel Buddismo tibetano e in Chinggis Khan le colonne per la ricostruzione di una cultura distrutta rispettivamente da Cina e Unione Sovietica; Hong Kong, in sé e come porta d’accesso per ricostruire il dramma dei boat people vietnamiti; il Laos, paese troppo spesso ignorato anche nella sua sofferenza e culla di una tra le poche dinamiche politico-religiose positive dell’area; di nuovo la Cina, per tentare di recuperare i tasselli, comunque sempre mancanti, del ‘caso’ Falun Gong; la divinizzazione di Kim il Sung in Corea del Nord; lo sciamanesimo femminile della 2008.04 TH 007 250x333.jpgCorea del Sud; la religiosità tecnologica giapponese; le crocifissioni pasquali filippine; i conflitti religiosi Indonesiani e malesi; l’asfissiante e dittatoriale perfezione di Singapore; per concludere il viaggio nei casinò della ‘città di Dio’: Macao.

Rimane un po’ di perplessità nell’identificazione tra “Dio” e “religione”, decisamente non scontata all’interno di molte culture asiatiche, che presentano un vissuto che noi definiremmo religioso che non contempla la figura di un Dio monoteisticamente inteso.

Scesi dal treno, comunque, chiudendo il libro, si prova il rimpianto del ritorno. E la voglia di approfondire la conoscenza delle questioni sollevate, di porsene di nuove, di intraprendere percorsi differenti. Di incontrare persone e situazioni che mettano in discussione dal profondo le nostre certezze, e che non ce ne regalino di nuove. Di continuare a chiedersi ‘perché viaggiamo e scriviamo’?
di 
Alessandra Chiricosta • 15th Giu, 2007 • Categoria: Libri

-IL DIO DELL’ASIA-
Religione e Politica in Oriente. Un reportage.

Di Ilaria Maria Sala 
Edito da Il Saggiatore nella collana Terre. Idee
Pubblicato nel 2006. Pagine 348, € 17,00.

<<È una regione che in tempi recenti si è imposta per la sua straordinaria forza produttiva capace di condizionare e minacciare i modelli economici occidentali, eppure l’Estremo Oriente è disseminato da realtà assenti dalle pagine di cronaca, attraversato da tradizioni di culto millenarie che si sono rafforzate su un tessuto politico complesso, per lo più incomprensibile a chi si avvicina con lo sguardo del turista. A partire da qui, dalla volontà di avvicinare questo mondo sfaccettato nei culti e nelle tradizioni, nasce il reportage di Ilaria Maria Sala, un percorso nella storia, nei luoghi, tra la gente per descrivere microcosmi religiosi che talora confliggono con i governi locali, altre volte inaspriscono i rapporti con i paesi confinanti>>.

Chi è Ilaria Maria Sala? Giornalista, laureata in Cinese e Studi religiosi a Londra, ha vissuto gli ultimi quindici anni a Pechino, Tokyo e Hong Kong dove è presidente del Foreign Correspondents’ Club. Collabora con Diario Il Sole24 OreLe Monde e con altre testate. Ha curato e tradotto per Manifestolibri il testo Rivoluzione e democrazia, di Wei Jingsheng (1996).

Chi è Alessandra Chiricosta?
Filosofa, storica delle religioni specializzata in culture dell’Estremo Oriente e del Sudest asiatico, ha compiuto studi di ricerca sul campo in queste aree. In particolare, si occupa di questioni relative all’intercultura, al dialogo filosofico-religioso, alle minoranze etniche, agli studi di Gender e alle arti marziali. Ha collaborato con l’Università di Roma “La Sapienza” e con l’Università “Roma Tre”, dove ha ottenuto un Master in “Scienze della Cultura e della Religione” ed è attualmente dottoranda in Filosofia. Ha collaborato anche con l’Università di Hanoi e con l’Ambasciata d’Italia in Viet Nam. Ha già pubblicato, oltre a vari articoli specialistici, per i tipi di Bulzoni: I sensi del sincretismo (con Mazzoleni e Franceschelli) e Oltre i Confini; per l’Urbaniana University Press ha tradotto e curato il testo di Matteo Ricci SJ Il vero significato del Signore del Cielo. Invia una mail all’autrice Tutti i post di Alessandra Chiricosta

Articolo tratto per gentile concessione da Sudestasiatico.com©2008 http://www.sudestasiatico.com/

WaiThai ringrazia Sudestasiatico.com per l’autorizzazione alla pubblicazione, la disponibilità e la collaborazione. (Pubblicato il 23 Ott, 2008)

Informazioni: info@waithai.it – tel: +39 347 1638 121

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *