Thailandia: informazioni di viaggio
20 Novembre 2006
Thai Foot Massage
20 Dicembre 2006

Scritture Fantastiche!

Etnografologia

 Viaggio alla scoperta delle scritture inventate

di Edoardo Triscoli

globo

Klaatu barada nikto

(dal film – Ultimatum alla Terra – di R. Wise )

Anche se tutte le scritture sono “inventate” in natura non esiste il linguaggio scritto, è un’ espressione esclusiva dell’uomo e della sua cultura, esistono delle scritture che non hanno bosco magicoavuto bisogno di centinaia di anni per raggiungere la loro completezza linguistica e grammaticale.

Sono le scritture inventate, create cioè dalla fantasia di un singolo uomo o di un gruppo, in poco tempo e che servono a dare credibilità ai mondi immaginari della fantascienza, a favolistici regni fantasy o a filosofiche utopie sociali.

Inizialmente nei libri, poi nel cinema ed infine nei videogiochi, le lingue immaginarie vengono create con tutti i crismi di una lingua vera: possiedono termini, grammatica e aspetti grafici “reali”, tanto che alcune di loro sono tranquillamente usabili come una vera e propria lingua. Anche nel gioco e nella finzione letteraria l’uomo desidera diventare Dio, dando vita a mondi e lingue, personaggi e paesi talmente perfetti e ricchi di particolari da non aver nulla da invidiare a quelli della realtà e della storia.

Dopo aver applicato la lente dell’etnografologia alle scritture di popoli esistenti, ripeteremo l’ operazione anche su scritture create dalla fantasia: il meccanismo è sempre uguale e vale anche in questa particolarissima situazione.

Ogni segno tracciato da un essere umano riflette in qualche maniera una sua emozione, uno stato d ’animo e un atteggiamento nei confronti della realtà che lo circonda. Anche quando inventa l’ uomo èTerradeterminato da una disposizione mentale: immaginando il mondo di un certo tipo gli “inventori” di quel mondo producono una scrittura che sarà coerente con il mondo rappresentato.

Troveremo in questa breve carrellata sulle scritture inventate, ce ne sono infinite, forse più di quelle reali: la contorta e “subacquea” scrittura di  Atlantide, la spigolosa e tecnologica grafia dell’impero galattico di Guerre Stellari e il rigore antico delle rune della Terra di Mezzo. Esploreremo  l’esoterica scrittura gnommish di Artemis Fowl e quella aliena dei Klingon, apprezzeremo l’eleganza della lingua elfica parlata da Legolas e approderemo alle perfette geometrie della lingua utopica di Tommaso Moro.

Oggi che la nostra visione e informazione del mondo, passa sempre più esclusivamente attraverso la tecnologia, il confine fra mondo virtuale e mondo reale diventa sempre più sfumato:vortice siamo nella paradossale situazione in cui un film “sembra vero” e la realtà “sembra un film”, spostando così la nostra percezione del reale in un territorio instabile e sfuggente.

Sappiamo da dove veniamo, ignoriamo dove andiamo e continuiamo a non sapere chi siamo.

Per fortuna continuiamo a scrivere, nella realtà e nella fantasia, fornendo così una piccola ma sincera chiave di lettura per una minima comprensione di questo rissoso, irascibile, carissimo abitatore della Terra.

 

Entra nel magico mondo delle scritture inventate

Atlantide
Aurek-Besh
Cirth runica
Gnommish
Klingon
Tengwar elfica
Utopia

Bibliografia essenziale

Esiste una sterminata produzione editoriale che riguarda la storia della scrittura, la linguistica e la grafologia. Nel maremagnum di questi libri segnaliamo quelle opere che sono fondamentali per la comprensione e lo studio della materia trattata:

Marco Cimarosti – Non legitur – Stampa Alternativa & Graffiti

Peter T. Daniels , William Bright – The world’s writing systems – Oxford University Press

David Diringer – L’ alfabeto nella storia della civiltà – Giunti

James G. Fevrier – Storia della scrittura – Ecig

Ignace J. Gelb – Teoria generale e storia della scrittura – Egea

Hans J. Storig – L’ avventura delle lingue –Vallardi

Per quanto riguarda la rete ci limitiamo a riportare quello che a nostro avviso resta un imprescindibile sito per chi si occupa di scritture: www.omniglot.com

Edoardo Triscoli è co-autore con Carlo Chinaglia dei libri:

Graphologie Gremese Editore, 1996
-Grafologia. Manuale di analisi psicologica con breve storia della scrittura
 L’Airone Editrice Roma, 1994

Si è dedicato anche alla narrativa pubblicando con la Mgs PressBIBLIOPOLIS. Trieste, città dei libri perdutiPagine di sabbia Trieste, il deserto e le biblioteche rivelate e ERESIE. Trieste, i libri e le verità nascoste

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *