Sala RAI e le mappe del Thai-massage

Thai-massage: le Porte del Vento
19 Maggio 2008
RUE-SI Dat Ton: lo stretching degli Eremiti
20 Agosto 2008

Sala RAI e le mappe del Thai-massage

Sala Rai e le mappe del Nûad Böran

Le mappe del NÛAD alla Sala Rai[1] del Wat Phra Chetuphon o Wat Pho

WatPho_map_e

Sala[2] Rai o Padiglione satellite

Lungo il cortile della cappella principale, sia all’interno che all’esterno (separati dalle mura del monastero) si trovano alcuni padiglioni con piattaforme a base rettangolare. All’inizio erano uno spazio senza copertura e senza portico, all’aria aperta per imitare una collina.

L’attuale assetto della costruzione architettonica si deve alla ristrutturazione eseguita durante il Regno di Re Rama III°, che fece estendere una veranda tutto intorno, aggiungendo due gradini marmorei sui tre lati aperti. I padiglioni gemelli di fronte a Phra Maha Chedi si trovano tra Phra Maha Chedi e la Cappella.

Il Padiglione a Nord è la biblioteca delle inscrizioni del Thai traditional massage. Sul soffitto del portico sono rappresentate 32 raffigurazioni di posizioni di massaggio. 

2008 2008

2008 2008

2008 2008

Sulla parete, ci sono le inscrizioni di Supasit Phraruang (I primi proverbi Thai), Kritsana Sorn Nong (letteratura Thai) ed è ritratta la Cerimonia Reale del Kathin.

Il Padiglione posto a Sud, Mae Chua Kumaravej Böran Pavilion, l’Antico Padiglione, custodisce la WatPho2008_1collezione di inscrizioni concernenti gli angeli che proteggono i bambini. Sono descritte le malattie dei bimbi e come curarle.

Nella parte posteriore di questo padiglione, ci sono le inscrizioni del Ramayana, l’episodio di Pali Sorn Nong e il dipinto della Processione delle Barche Reali.

Intorno al monastero, ci sono sedici padiglioni. I soffitti dei loggiati e l’edificio principale sono decorati con pitture murali tratte da Akanibart Jataka (Le 550 vite del Buddha). Questo Jakata è suddiviso in episodi e ogni padiglione contiene 36 episodi differenti. La “Sala Totsachart” si trova a sud della Sala Karn Parien, la Sala dell’insegnamento e dell’apprendimento. Ogni padiglione è anche decorato con scene scolpite in legno e dipinte, tratte dalla letteratura intitolata Phra Apai Mani e concernenti lo stile di vita generale dei locali.

Wat Po Rue-si Dat Ton 70 copiaLe statue dei eremiti contorti sono tuttora nel versante aperto così come lo erano un tempo. La coppia di padiglioni per i massaggi di fronte al monastero e alla Wat Phra Chetuphon School mostrano esempi di BKK WatPho 1299112-Traditional_Thai_massage-Bangkok copiagiardinaggio con rocce.

Nei piccoli passaggi aperti nelle mura, di fronte e dietro ad ogni padiglione, ci sono 32 statue di stranieri delle quali soltanto due poste a sinistra: Okinawa (giapponese) e Cinese. Le pitture murali sono presenti non soltanto lungo i padiglioni ma anche sul lato esterno delle finestre dei Vihara, sono rappresentati gli stili di abbigliamento di 12 forestieri e di Lan-Tan (il guerriero cinese). Sono riprodotti molti personaggi aristocratici: Francesi, Spagnoli, Inglesi e Giapponesi (il guerriero Liew-Kiew) tra le 12 statue di viaggiatori.

I due padiglioni orientali, nelle adiacenze di Sanam Chai road, sono ora le aule di studio per le persone che vogliono imparare il massaggio tradizionale Thai e il massaggio thailandese alle erbe.

Liberamente tradotto dalla guida in lingua inglese “Guide book Wat Pho” Bangkok 2007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *